Quali Paesi partecipano al programma di esenzione dal visto (VWP)?

2019-08-23

Quali Paesi Partecipano Al VWP?

Il governo degli Stati Uniti e i paesi che desiderano fare parte del Visa Waiver Program lavorano insieme per sviluppare roadmap (tabelle di marcia), consistenti in una serie di passi che portano all'ammissibilità. Quando un paese soddisfa i requisiti della roadmap, viene nominato per la partecipazione al Visa Waiver Program. Di solito, un paese selezionato per il Visa Waiver Program sarà un paese sviluppato, con un indice di sviluppo umano molto elevato e un'economia ad alto reddito. Anche l'immigrazione del paese e le pratiche di sicurezza devono passare un esame da parte del Dipartimento di Sicurezza Interna degli Stati Uniti. Non esiste una sequenza temporale standard per l'approvazione all'ingresso nel Visa Waiver Program o il rifiuto, una volta che un paese è stato nominato.

 

ELENCO DEI PAESI VWP


  • Andorra
  • Australia
  • Austria
  • Belgio
  • Brunei
  • Cile
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Estonia
  • Finlandia
  • Francia
  • Germania
  • Grecia
  • Ungheria
  • Islanda
  • Irlanda
  • Italia
  • Giappone
  • Lettonia
  • Lichtenstein
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Monaco
  • Paesi Bassi
  • Nuova Zelanda
  • Norvegia
  • Portogallo
  • San Marino
  • Singapore
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Corea del Sud
  • Spagna
  • Svezia
  • Svizzera
  • Taiwan
  • Regno Unito

I paesi che desiderano entrare (o rientrare) nel Programma di Esenzione dal Visto (VWP) sono chiamati "paesi roadmap". Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti iniziò a discutere con tali paesi, in merito all'ammissione nel Visa Waiver Program, sin dal 2005. I paesi erano, in origine, 19; 10 di loro sono entrati nel Visa Waiver Program, ma i paesi seguenti hanno ancora lo status roadmap: Bulgaria, Cipro, Polonia, Romania, Israele, Turchia, Argentina, Brasile e Uruguay.

Ogni fattore (e ve ne sono diversi) può fare sì che un paese del Programma di Esenzione dal Visto venga retrocesso allo status di roadmap. Tra questi vi può essere un'aumentata possibilità che i suoi cittadini si fermino negli Stati Uniti oltre i 90 giorni permessi, ottengano un lavoro pagato senza permesso o altrimenti violino le restrizioni stabilite dal Visa Waiver Program. Sia l'Argentina (nel 2002) che l'Uruguay (nel 2003) hanno perduto lo status di paese Visa Waiver a causa delle crisi economiche che si sono trovati ad affrontare. Il governo degli Stati Uniti era preoccupato che cittadini di quei paesi potessero fermarsi più a lungo del tempo a loro concesso per la visita o emigrare in gran numero. Questa considerazione è coerente con la convizione comune che i viaggiatori di paesi aventi sistemi politici ed economici stabili avranno scarsissimi motivi di violare i termini dei loro visti. I consolati degli Stati Uniti, nell'emettere i visti, attribuiscono grande importanza a tali preoccupazioni.

L'ammissibilità al VWP non viene determinata da sole condizioni economiche e politiche. Il motivo per cui Israele continua ad avere lo status di roadmap è che, secondo alcuni osservatori, tale paese sottopone gli americani-palestinesi ad un esame molto severo quando viaggiano verso Israele, violando quindi i requisiti di reciprocità del VWP.

L'UE e gli USA stanno negoziando l'ammissione al VWP per Bulgaria, Cipro, Polonia e Romania: tutti questi hanno lo status di roadmap e sono gli unici paesi della UE non presenti nel VWP (con l'eccezione della Croazia, che è stata ammessa nella UE solo di recente). Il governo della Bulgaria affermò, nel novembre 2014, che non avrebbe ratificato il Transatlantic Trade and Investment Partnership se gli Stati Uniti non avessero concesso ai cittadini bulgari il permesso di viaggiare senza visto verso gli Stati Uniti.


Torna alla homepage di ESTA